Non avete ancora un login? Prendete subito un appuntamento.

Digital Shaper 2020 «Infrastructure Builder»

Digital Shaper 2020 «Infrastructure Builder»

Negli ultimi cinque anni, il premio Digital Shaper è stato assegnato a persone che hanno avuto un ruolo chiave nel plasmare e portare avanti la digitalizzazione della Svizzera e oltre – queste persone sono, per così dire, il Who-is-Who della Svizzera digitale. Il premio viene assegnato da una giuria di 12 membri dell’associazione di categoria digitalswitzerland in collaborazione con la rivista economica BILANZ, la Handelszeitung e il giornale in lingua francese Le Temps di Losanna.

I Digital Shapers lavorano sia nelle grandi organizzazioni che nelle start-up, rendono le strutture consolidate adatte all’era digitale, assicurano le condizioni quadro necessarie per la digitalizzazione o gettano le basi per nuove tecnologie come ricercatori e autori. Sono pionieri, appassionati di dati e visionari che coprono tutte le aree, dagli ecosistemi di supporto per le start-up e le soluzioni innovative nella sanità agli strumenti digitali per promuovere l’istruzione, la costruzione e la tecnologia.

Queste persone fanno e pensano uniti da una motivazione comune per influenzare positivamente la Svizzera e il mondo intero.

Tutti i Digital Shapers premiati nel 2020 per l’ambito “Infrastructure Builder”, Fonte: https://www.handelszeitung.ch/bilanz/infrastructure-builders

Clemens Maria Schuster, cofondatore di politica.ch, si distingue come «Infrastructure Builder», le condizioni quadro della digitalizzazione sono assicurate: l’infrastruttura, le regole giuridiche risp. politiche del gioco, i dati stessi e naturalmente il grande ambito della sicurezza. 

Con la piattaforma politik.ch, abbiamo ottenuto molto: da un lato, l’azienda sta dimostrando per la prima volta che i dati “aperti” (Open Data), o più specificamente i dati governativi “aperti”, possono essere la base per un modello di business di successo. Questo rende una delle risorse più grandi e finora in gran parte non sfruttate – cioè i dati pubblici e non personali che sono già stati pagati dal pubblico e quindi appartengono a tutti noi – visibile e tangibile sia per i governi che per le amministrazioni come materia prima per l’innovazione e lo sviluppo sociale.

Allo stesso tempo, la digitalizzazione politica significa molto più che campagne digitali su Facebook e discussioni su Twitter tra politici e giornalisti. Il processo politico è molto più ampio ed estremamente impegnativo, complesso, lungo e spesso non trasparente nei suoi dettagli.


È proprio qui che entra in gioco la piattaforma politica.ch: Per esempio, quando un nuovo oggetto viene presentato al parlamento nazionale o ad un parlamento cantonale, quando è pronto per essere discusso o votato – un algoritmo controlla gli ordini del giorno pubblicati e le loro modifiche e notifica i clienti che si sono abbonati a questi temi. I dati stessi sono tutti pubblici, ma sparsi su vari siti web, spesso in cattive condizioni (PDF stampati e ri-scannerizzati) e nascosti dietro a pagine di login. È proprio qui che politica.ch crea invece trasparenza e chiarezza nel processo politico.

Poiché la piattaforma è del tutto automatizzata e completa, garantisce ai clienti la sicurezza giuridica, minimizza i rischi, fa risparmiare tempo e dà loro un vantaggio su tutti. Il clou: l’interpretazione è sempre del cliente. Per esempio, la nuova legge sul CO2 può essere interpretata in modo completamente diverso da un’associazione ambientalista e da un produttore di energia: i dati sono gli stessi per entrambi, ma essi hanno ora più tempo per formulare i loro argomenti e posizionarsi rispetto all’oggetto discusso. In sostanza, questo significa che tutti coloro che sono coinvolti nel processo politico ne beneficiano: politici e deputati, aziende e ONG, associazioni, camere e lobbisti – così come tutti i cittadini.


Testo del Laudatio di «Bilanz»

Nel 2007, il filologo e filosofo nato in Austria è arrivato in Svizzera, all’Università di Basilea, per iniziare un dottorato. Ma Clemens Maria Schuster ha presto cambiato carriera e ha trasformato il suo hobby, Internet, in una professione, come dice lui. Prima al soldo di una ONG (World Vision Switzerland), per la quale ha progettato campagne digitali di raccolta fondi e social media; poi nella propria azienda specializzata in comunicazione digitale. Nel 2018, Schuster ha fondato politica.ch insieme a Thomas Gemperle – una piattaforma che raccoglie tutti i dati nazionali e cantonali pubblicamente disponibili della politica svizzera e li presenta in modo strutturato e chiaro. Con politica.ch dimostra per la prima volta che un modello di business di successo basato su Open Data funziona. I clienti sono partiti politici, associazioni, gruppi d’interesse, aziende, ONG, lobbisti, attivisti e consulenti politici – in altre parole, chiunque sia interessato ai processi politici o voglia influenzarli. Grazie ai loro abbonamenti annuali, ricevono tutte le ultime informazioni sulle loro aree di interesse, non perdono mai una scadenza e sono aggiornati sugli ultimi oggetti o consultazioni in pochi clic. Schuster lascia ai suoi più di 30 clienti con oltre 300 utenti e ai loro strateghi politici il compito di decidere come interpretare gli oggetti e come è necessario procedere. Perché la sua piattaforma non fornisce consigli, ma solamente la base di dati. “Bisogna lasciare che le macchine facciano ciò che le macchine sono brave a fare”, dice, “e che le persone facciano ciò che le persone sono brave a fare”.


Fonte: https://www.handelszeitung.ch/people/clemens-maria-schuster


Congratulazioni!

Post a Comment